Relazioni

La perdita: come elaborare il lutto

Lelaborazione del lutto di cui si tratta in questo articolo è collegata alla perdita di una persona cara e all’esperienza del morire. In senso ampio il lutto si può riferire a tutte le esperienze di perdita, dalla separazione dalle persone amate alla perdita di un ruolo sociale,  di una professione, dell’autonomia, dell’immagine corporea….

La perdita di una persona importante lascia un vuoto carico di dolore e sofferenza che in alcuni momenti sembra incolmabile. Tale dolore viene vissuto in maniera del tutto personale, talvolta espresso e talvolta taciuto, comunque sempre presente.

La morte impone un’assenza fisica, un’immediata separazione corporea dall’altro che comporta la perdita dell’equilibrio personale e familiare, la destrutturazione del senso d’identità. La morte oltre ad imporre una separazione dalla persona amata, implica una perdita di una parte di sé, che induce smarrimento e richiede una nuova definizione di se stessi.

L’elaborazione del lutto

Il dolore espresso è un dolore che è stato accettato, quindi accolto, vissuto e investito di significati personali. Quando la persona sente di poter accogliere la propria sofferenza, avviene l’identificazione con il dolore, talvolta con la persona perduta, un dinamismo psichico che accompagna l’essere umano nell’esperienza della depressione la quale si configura come tappa fondamentale del processo di elaborazione del lutto.

C.G. Jung descrive la depressione come una forma di contenimento dell’energia psichica imprigionata e incapace di liberarsi. Secondo Jung, entrare profondamente nello stato di depressione è indispensabile per scoprire i motivi del blocco dell’energia e per capire che cosa viene custodito nel castello della tristezza, al fine di rendere possibile il liberarsi dell’energia trattenuta che è responsabile della manifestazione depressiva. Assumendo tale prospettiva, la depressione riflette l’accoglienza, il pieno vissuto di tristezza per la perdita e la consapevolezza della mancanza, portando in grembo la potenzialità trasformativa della sofferenza e il seme della nuova relazione con il perduto.

Quando il dolore invece è muto, inespresso, parla di una non accoglienza. Intervengono meccanismi inconsci di negazione e rimozione che riflettono le difficoltà connesse all’accettazione della perdita e soprattutto alle sue conseguenze. Il dolore che non trova spazio nell’intimo vissuto individuale si congela, bloccando il percorso di elaborazione del lutto.

La persona in preda al dolore profondo di perdita non solo vive il suo sentimento, ma dimentica momentaneamente di essere stata tante volte serena, tendendo a generalizzare lo stato d’animo in cui si è identificata. L’identificazione con l’impotenza del vissuto di perdita può generare la sensazione di non avere scampo all’eterno dolore, limitando e paralizzando la persona, facendole perdere di vista le proprie risorse e potenzialità trasformative, restringendone lo sguardo alla vita.

Elaborare il lutto comporta dunque l’uscita da questa paralisi, attraversando il dolore con consapevolezza, sperimentando il vissuto depressivo per poi circoscriverlo gradualmente nel tempo. In psicosintesi si parla d’identificazione (intesa qui con il vissuto di perdita) e di disidentificazione, intesa come capacità di osservare a distanza le proprie esperienze psichiche, recuperando la visione d’insieme di se stessi al di là della sofferenza, favorendo un atteggiamento attivo di fronte alla perdita, conservando speranza e fiducia. “Temporalizzare” il lutto permette di ipotizzarne la risoluzione futura; “parzializzare” la perdita aiuta a riconoscerla come una parte e non come il tutto: il messaggio è che il lutto non è né infinito né eterno.

E’ importante sottolineare  che c’è un tempo per l’identificazione e uno per la disidentificazione: una precoce disidentificazione, che non tenga conto del tempo individuale necessario all’identificazione con gli aspetti della perdita e al recupero dell’energia bloccata nel dolore, comporta rischi di scissioni profonde, di rifugio in false disidentificazioni. In tal caso nella persona non c’è traccia di consapevolezza e di partecipazione al vissuto di perdita, ma un freddo distacco o addirittura una negazione patologica della perdita.

Un funzionale processo di elaborazione del lutto porta ad un’inclusione consapevole ed armonica di una ferita nel sé personale, una ferita che può esserci perché vissuta come non mortale. Per riscoprire la parte autentica e vitale di sé è necessario volgere l’attenzione alla propria parte sana, evocandola, alimentandola, rinforzandola. Ritrovando se stessi, sarà possibile trovare anche la volontà di superare il lutto.

R. Assagioli diceva che i problemi non spariscono, ma si dimenticano, nel senso che si ridimensionano e trovano uno spazio adeguato all’interno di una visione più ampia del sé. Questo è ciò che accade nella sana elaborazione del lutto, dove processi di liberazione e trasformazione dell’energia psichica, trattenuta nella depressione, stimolano l’individuo all’evoluzione e alla crescita.

“Se i nostri genitori  e i nostri cari morti in genere ci hanno amato disinteressatamente, cioè non solo perché soddisfacevano i loro bisogni ma anche perché desideravano soddisfare i nostri, saranno morti pensando a noi oltre che a loro stessi e lasciandoci il messaggio che si può continuare ad amare all’infinito nonostante il fatto che non si vive all’infinito, lasciando a chi resta il compito di continuare ad amare senza smettere di amarli” da F. Campione (Il deserto e la speranza).

 

 

 

Autore

Elisabetta Marra

Elisabetta Marra

Psicologa e Psicoterapeuta specializzata in Terapia psicosintetica, si occupa dei disturbi d'ansia, attacchi di panico, disturbi dell'umore, disagio esistenziale, lutto, autostima.

6 Commenti

  • Salve dottoressa, ho da non molto perso una persona a me cara. Ho 55 anni, e mi sembra che la vita davanti a me non abbia più senso. Ne sto cercando uno. Lo cerco, per ora, leggendo articoli sul tema. Il suo mi sembra interessante, ma cosa si intende con “Temporalizzare” e “parzializzare”? come posso fare a stare meglio? la ringrazio. Giulio Capalbi

    • Buonasera Giulio, in questo momento per Lei sembra tutto insormontabile, ma temporalizzare il lutto significa proprio avere fiducia che non si sentirà sempre così, che gradualmente con il passare del tempo inizierà a scorgere una luce, a portarsi un peso man mano più leggero. Parzializzare significa rivolgere il proprio sguardo anche alle altri parti di sé (al di là del dolore) a recuperare una visione d’insieme, a ricontattare le proprie risorse e potenzialità.
      Fa sicuramente bene ad approfondire, a leggere, a venire incontro ai suoi bisogni, alle sue domande ed incertezze. Cerchi di appoggiarsi alle persone che Le vogliono bene.
      E’ difficile dare un senso ad una perdita, quello che possiamo fare è dare un senso a tutto quello che abbiamo condiviso con questa persona, a ritenerci fortunati di tale incontro, a conservare in noi l’amore o l’affetto provato confidando nel fatto che in qualche modo questa persona continueremo a sentirla vicina e che veglierà su di noi.
      Rimango a Sua disposizione, un caro saluto ed abbraccio.
      Dott.ssa Marra

  • Vita e morte non sono due estremi lontani l’uno dall’altro. Sono come due gambe che camminano insieme, ed entrambe ti appartengono. In questo stesso istante stai vivendo e morendo allo stesso tempo. Qualcosa in te muore a ogni istante. Nell’arco di settant’anni la morte arriverà a compimento. In ogni istante continui a morire, e alla fine morirai davvero.

  • ho letto diversi articoli sul lutto. mi è morta una persona cara e la mia testa sta cercando una spiegazione o un modo per superare il dolore, o per lo meno accettarlo. mi colpisce “la psicosintesi” che non conoscevo. mi colpisce il fatto che una disidentificazione troppo precoce potrebbe non fare bene. tutto questo mi rincuora e mi indica la strada: smetterla di combattere il dolore.
    grazie

  • A me è venuto a mancare mio padre cieca 5 anni fa’, sono stato talmente male che non riuscivo a metabolizzare tanto che mi sono chiuso nel vero senso del la parola dentro casa non riuscivo neanche a piangere ero come spento.
    Nell’ arco di 15 giorni ho perso piu di 10 kg non mangiavo perche non riuscivo e come se avevo un blocco.
    Poi una delle mattine successive mi sono svegliato ed è come se ero molto cosciente come risvegliato da lì ho messo in discussione alcuni mesi credi e da lì mi si è aperto un mondo.
    E normale che mi manca e gli voglio un mondo di bene ma da quelle esperienza mi è passata la paura della morte perche sento che è l anima il vero me è non il corpo.
    Grazie

Lascia un commento